Giulia Lazzarini è Emilia, al Piccolo Teatro Grassi

RIPRODUZIONE RISERVATA : Copyright MilanoReporter

Al Piccolo Teatro Grassi, dal 17 al 29 ottobre, “Emilia”. Scritto e diretto da Claudio Tolcachir, traduzione Cecilia Ligorio. Con Giulia Lazzarini (Emilia), Sergio Romano (Walter), Pia Lanciotti (Carolina), Josafat Vagni (Leo), Paolo Mazzarelli (Gabriel).

Emilia è stata la bambinaia di Walter. Dopo vent’anni di lontananza, per puro caso, i due s’incontrano di nuovo e il ragazzo, oramai adulto e benestante, la introduce nel suo contesto familiare considerate le difficoltà economiche che Emilia sta attraversando. Giulia Lazzarini torna sulle scene del Piccolo Teatro nei panni della protagonista del testo scritto e diretto da Claudio Tolcachir, attore, drammaturgo e regista affermatosi nella nuova scena argentina.

È una storia di legami contrastati e di apparenze familiari che nascondono segreti inquietanti. Tra dramma e commedia, “Emilia” è un’analisi sul rapporto tra realtà e memoria del passato, con l’inevitabile effetto della rimozione dei ricordi meno piacevoli, che vengono cancellati o edulcorati. Ma è anche un’analisi spietata sulla famiglia e sui suoi rapporti interni. Sarà proprio l’arrivo della anziana tata a provocare la messa in discussione dei rapporti familiari, delle apparenze e dei sorrisi. Emilia diventerà la protagonista di questo dramma familiare fino ad un esito sconcertante.

La pièce nasce da uno spunto autobiografico: «Ho iniziato a scrivere “Emilia” – spiega Tolcachir – in seguito all’incontro, dopo molti anni, con una signora che era stata mia tata da bambino. Ricordava moltissime cose di me che io avevo completamente dimenticato e questo ha fatto nascere in me una specie di senso di colpa per questa sproporzione dell’amore. Sono sempre stato commosso da quelle persone che hanno un ruolo tale per cui scelgono di occuparsi completamente degli altri. Ecco, il personaggio di Emilia ha bisogno di prendersi cura degli altri».

Marco Fioravanti
Follow me

Marco Fioravanti

marco.fioravanti@milanoreporter.it
Marco Fioravanti
Follow me

Leave a comment

Your email address will not be published.


*