Pulizie di casa post lavori? Abbiamo una soluzione!

RIPRODUZIONE RISERVATA : Copyright MilanoReporter

Casa nuova o recentemente ristrutturata?

Come pulirla a fondo dopo l’intervento degli operai

La casa è un bene imperituro, che ci rappresenta caratterialmente ma che sa anche come offrirci un riparo domestico in linea con le nostre aspettative. Purtroppo fasi come la ristrutturazione o la costruzione, sebbene siano indispensabili, portano con loro diverse problematiche: la presenza e il lavoro degli operai, infatti, potrebbe lasciarle in condizioni non proprio ottimali, a livello di pulizie.

Perché pulire a fondo una casa ristrutturata o nuova?

Dopo la ristrutturazione o la costruzione, si rende sempre necessaria una fase di pulizia molto più approfondita del solito, per renderle finalmente abitabili. Questo perché operazioni come la tinteggiatura e l’uso di colle potrebbero lasciare dei residui nell’aria. È bene pulire a fondo una casa anche per via del calpestio degli operai, che avrà lasciato un patrimonio fatto di sporco e di calce sulle mattonelle. Non solo i pavimenti ma anche i mobili vanno puliti, per via dei depositi di materiali edili. Come fare? Una delle possibilità è di rivolgersi a una ditta di pulizie professionale, che consentirà di avere una casa pulita senza affaticarsi. Queste ditte si possono trovare anche online, su portali come Helpling: ad esempio per richiedere un preventivo per le pulizie a Milano si può cliccare qui. Per chi invece preferisce il fai-da-te ecco a seguire alcuni consigli utili.

Quali prodotti usare in queste circostanze?

Esistono dei prodotti casalinghi che si rivelano eccellenti per pulire una casa che versa in queste condizioni: ad esempio la trielina, ma anche il bicarbonato di sodio e l’aceto. Sono ideali specialmente per le pavimentazioni classiche, mentre materiali come il gres porcellanato, il marmo e la terracotta richiedono detergenti specifici. Dopo aver eliminato lo “sporco pesante” lasciato dai calcinacci e dai residui di gesso e calce, è possibile ad esempio rimuovere le tracce di pittura usando l’acquaragia e le spugnette abrasive. Poi, tolta anche la polvere, si possono usare i prodotti sopra menzionati per una pulizia green e completa. Serve però tanto impegno e olio di gomito, per pulire casa con il fai da te.

Come pulire il pavimento di una casa appena ristrutturata?

Il parquet è una tipologia di pavimentazione molto delicata e anche molto costosa, che richiede una cura particolare in fase di pulizia. Qui i detergenti chimici non sono mai la soluzione migliore: vanno sostituiti con detergenti naturali a base di sapone neutro, o con prodotti specifici per il legno. È altrettanto importante trattare il parquet con una cera di mantenimento, al termine della pulizia. Per pavimentazioni in gres porcellanato o in altri materiali, c’è l’acido tamponato: ideale per le pulizie post-lavori edili.

Come pulire le fughe del pavimento?

Per pulire le fughe del pavimento, la candeggina si rivela un’alleata davvero preziosa: dopo la pulizia, però, dovrete far cambiare l’aria degli ambienti, per eliminare i residui tossici del prodotto. Un altro metodo per pulire le fughe è il detersivo anticalcare: richiede più risciacqui, ma è meno invasivo rispetto alla candeggina. Infine, acqua calda e bicarbonato sono una soluzione 100% green.

Sabrina Antenucci
Mi trovi su:

Sabrina Antenucci

direttore@milanoreporter.it
Sabrina Antenucci
Mi trovi su:

Leave a comment

Your email address will not be published.


*