The Deuce. James Franco a luci rosse

The Deuce - la via del porno
RIPRODUZIONE RISERVATA : Copyright MilanoReporter

The Deuce – la via del porno è una serie che lascia poco spazio all’immaginazione. Prostitute, protettori senza scrupoli, pseudo-artisti del nudo, droga, malavita. Un ritratto impietoso della New York anni settanta.   

Parliamo sempre di fiction, ma questa volta c’è qualcosa di diverso. The Deuce non è solo una favola scritta per intrattenere. E’ il racconto di come New York e l’America hanno vissuto l’avvento dell’industria del porno. Una descrizione dettagliata delle contraddizioni di una società che vietava la realizzazione di film a luci rosse e, allo stesso tempo, permetteva lo sfruttamento della prostituzione.

Vincent e Frankie Martino sono due fratelli gemelli (entrambi interpretati da James Franco) italo-americani che vivono a Manhattan. Il primo è un buono, un lavoratore. Fa il barman e lavora un sacco di ore per poter mantenere una moglie viziosa e i loro due figli. Il secondo è uno scommettitore incallito che vive di espedienti e, quando non sa dove sbattere la testa, bussa alla porta del fratello.

Vince, dopo aver rotto con la moglie a causa dell’ennesima sceneggiata, riceve la classica offerta che non si può rifiutare. Rudy Pipilo (Michael Rispoli), un capo della famiglia mafiosa dei Gambino che ha mandato a cercare Frankie per via di un debito di gioco, gli offre di gestire un bar tutto suo. 

The Deuce - la via del porno: Lori con C.C.

The Deuce – la via del porno: Lori con il suo protettore C.C.

The Deuce, il nome che veniva dato alla zona intorno alla 42° strada, è il palcoscenico di tante storie differenti. Quella dei fratelli Martino, s’intreccia con quella di tante giovani ragazze che offrono sesso per soldi. Candy (Maggie Gyllenhaal), lo fa per mantenere sé stessa e il figlio. Darlene (Dominique Fishback), è una ragazza di campagna finita a New York quasi per caso e incapace di tornare a casa. Lori (Emily Meade), si è trasferita nella grande mela per diventare un’attrice, ma non ha un soldo. Ruby (Pernell Walker), è un’imponente donna di colore che considera la strada il suo habitat naturale. E poi ci sono Melissa, Shay, Barbara, e altre ancora.

Ad eccezione di Candy, coraggiosa ed indipendente, tutte le ragazze si affidano alla protezione di uomini senza morale. Persone che passano dal trattarle come fidanzate ad accoltellarle se non portano loro il denaro pattuito per quella notte. In The Deuce, scopriamo da vicino le vite di C.C. (Gary Carr), Larry (Gbenga Akinnagbe), Reggie Love (Tariq Trotter) e Rodney (Method Man). Quattro protettori di colore a dir poco pittoreschi, che sfruttano appieno l’incredibile libertà offerta loro dalla legge.

E la lista di personaggi e storie strane non è si conclude qui. Ci sono i poliziotti del quattordicesimo distretto, alcuni corrotti e altri no. Il barista gay che lotta per la sua libertà sessuale. La giovane studentessa che condanna la mercificazione del corpo femminile, ma si trova costretta a fare la cameriera (in costume) per sbarcare il lunario. Per poi concludere con la giornalista infiltrata che cerca di raccontare gli orrori della prostituzione, le relazioni con il business della droga e la corruzione che coinvolge chi dovrebbe garantire la sicurezza dei cittadini. 

The Deuce è un guazzabuglio di contrasti e personaggi tosti. Tutti potrebbero tranquillamente rivestire il ruolo del protagonista, sebbene James Franco ed i suoi fratelli Martino siano assolutamente incredibili. Sorprendente la Gyllenhaal, che interpreta un ruolo complicato che le ha imposto, tra l’altro, parecchie scene di nudo.

The Deuce - la via del porno: James Franco

The Deuce – la via del porno: James Franco in Vince e Frankie Martino

La regia, che cambia quasi ad ogni episodio e che in un paio d’occasioni è stata affidata allo stesso Franco, è – insieme al montaggio – la parte migliore della serie. Le scene sono volutamente crude, con pochi filtri e cambi di camera. Il tutto a rafforzare le difficoltà umane dei protagonisti e la durezza di quel periodo storico. Le scene di sesso e di violenza sono più che esplicite, e rendono la serie assolutamente inadeguata per un pubblico non adulto o comunque facilmente impressionabile.

Spettacolari le parti in cui entrambi i fratelli Martino sono in scena. Ci permettono di apprezzare tanto la trasformazione di James Franco, come la perfezione delle riprese e del montaggio. L’occhio dello spettatore viene ingannato perfettamente senza, per questo, distoglierne l’attenzione dal racconto.

Una serie coraggiosa e già acclamata da pubblico e critica, qualcosa che solo HBO poteva permettersi di realizzare. I primi otto episodi sono stati distribuiti in anteprima online dal Network americano lo scorso 25 agosto. In Italia, la serie viene trasmessa su Sky Atlantic dal 24 ottobre.

Una serie imperdibile, senso del pudore permettendo.

Mi trovi su
Mi trovi su

Latest posts by Paolo Rizzardini (see all)

Leave a comment

Your email address will not be published.


*