Cos’è successo nei primi tre capitoli de Il Trono Di Spade?

Il Trono Di Spade stagione 7
RIPRODUZIONE RISERVATA : Copyright MilanoReporter

Sembra incredibile, ma siamo già quasi a metà della settima stagione de Il Trono Di Spade. Possiamo dirci soddisfatti di quello che abbiamo visto fino ad ora? Nel caso più unico che raro che vi siate persi i primi tre episodi, questi sono i punti salienti. 

La settima stagione de Il Trono Di Spade era stata anticipata da trailer dove l’azione la faceva da padrona. Con draghi, eserciti, morti viventi, sangue, intrighi e tutto quello che ci ha fatto amare da sempre la serie di HBO. Solo una piccola parte di tutto questo, però, è passato sui nostri schermi durante i primi tre episodi, cosa – questa – che è un bene se pensiamo che il meglio deve ancora venire, ma un male se pensiamo che il settimo ed ultimo episodio si avvicina ed il tempo stringe.  

Attenzione! I prossimi paragrafi contengono dettagli importanti sui primi tre capitoli della settima stagione de Il Trono di Spade. Spettatore avvisato mezzo salvato. 

Nel primo capitolo, come da tradizione “hbonniana” abbiamo visto una sorta di panoramica sui personaggi principali. Jon Snow che cerca di organizzare il suo Nord ritrovato e inventarsi un modo di difendere i sette regni dall’esercito dei morti. La regina Cersei, consapevole di essere pressoché circondata da persone che cospirano contro i Lannister, che altrettanto strategicamente si prepara – insieme al fratello Jamie – alla battaglia suprema. Per non dimenticare la splendida Daenerys (Emilia Clarke) che, con la sua immensa flotta ed i fedeli draghi, giunge a Dragonstone. Un posto che per lei profuma di casa. 

Il Trono Di Spade: l'esercito dei morti è vicino

Il Trono Di Spade: l’esercito dei morti è ormai vicino

Nel secondo, finalmente, si comincia a vedere germogliare una storia che – come ormai noto – non si protrarrà oltre l’ottava stagione. Il fedele Sam (John Bradley) scopre che proprio in Dragonstone giace il più grande giacimento esistente di dragon glass, l’unica sostanza esistente in grado di uccidere un morto vivente e, quindi, di salvare il Nord. Jon Snow viene informato dall’amico e proprio quando sta pensando a un viaggio a Dragonstone, la regina Daenerys lo invita con l’obiettivo di farne un alleato per sconfiggere Cersei e prendersi il trono. Peccato che la prima parte del suo piano finisca letteralmente in fondo agli abissi insieme alla flotta di Theon e Yara Greyjoy, attaccati dallo zio, neo-alleato dei Lannister che saprà così portare a Westeros . Triste che il pluri-martoriato Theon perda l’ennesima occasione di essere coraggioso e rinunci a salvare la sorella dandosi alla fuga. 

E’ il terzo capitolo, ad ogni modo, che ci regala gli intrighi tipici de Il Trono Di Spade che tanto amiamo. Jon Snow, incurante del parere negativo di tutto il Nord, si reca a Dragonstone regalandoci un momento che aspettavamo da anni: il suo incontro con la regina Khaleesi. E non si tratterò di un incontro fatto di petali di rosa, cinguettii e calici di vino. La donna vuole l’appoggio del Re del Nord per sconfiggere i Lannister, l’uomo vuole tutto il dragon glass che esiste per sconfiggere la minaccia del Nord. E nessuno dei due sembra capire le ragioni dell’altro. Nel frattempo Cersei ci regala uno dei suoi momenti di maestosa crudeltà, condannando a morte la figlia di Ellaria Sand (Indira Varma) colpevole di averle ucciso l’unica figlia. 

C’è da aspettarsi che la situazione precipiti da un momento all’altro.
Forse non nell’episodio quattro che, nonostante siano solo sette in totale, potrebbe essere ancora di assestamento, ma certamente negli ultimi tre vedremo incrociarsi parecchi destini. Arya (che continuo a pensare essere lcolei che ucciderà Cersei) e the Hound si rivedranno quasi certamente, Jamie Lannister – che probabilmente prenderà le distanze dalla follia della sorella – rivedrà la sua “quasi” fiamma Brianne, mentre Theon avrà l’ennesima chance di redimersi, sperando che non la sprechi per l’ennesima volta. Naturalmente, entrerà in gioco anche l’armata dei morti viventi che, chiaramente, è qualcosa che tutti noi stiamo aspettando con trepidazione.

Il Trono Di Spade: il web ironizza su Khaleesi e Jon Snow

Il Trono Di Spade: il web ironizza sulle presentazioni di Khaleesi e Jon Snow

Chiudiamo con un aneddoto divertente su cui il web si sta sbizzarrendo con la consueta creatività. Quando Jon Snow giunge al cospetto di Khaleesi, gliela presentano ufficialmente con tutti i nomi ed i titoli del caso, una pappardella molto formale che dura una vita e lascia l’ospite un poco interdetto. Quando è il turno del Re del Nord, questi guarda in faccia il suo accompagnatore Davos Seaworth, altrettanto impreparato, che rompe gli induci dicendo solamente: “E lui è Jon Snow”.

Qualche sorriso prima dell’arrivo di una battaglia che si preannuncia epica. 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*